Ritorno del Covid? Iss: in Italia aumentano Rt e incidenza, la situazione nelle terapie intensive

Ritorno del Covid? Iss: in Italia aumentano Rt e incidenza, la situazione nelle terapie intensive

Ritorno del Covid? Iss: in Italia aumentano Rt e incidenza – I dati del monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità segnalano l’aumento dell’Rt e dell’incidenza di casi a livello nazionale. Quattro le regioni ‘a rischio alto’

Già ieri la Fondazione Gimbe aveva segnalato un notevole aumento di casi nell’ultima settimana (+32,4%, ovvero mezo milione di casi in più in una settimana), oggi arrivano conferme anche dal monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute sul Covid-19: nel periodo 2-15 marzo 2022, infatti, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,12 (range 0,87-1,44), in aumento rispetto alla settimana precedente e con un valore superiore sopra la soglia epidemica. Lo stesso andamento si registra per l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero: Rt=1,08 (1,05-1,11) al 15/03/2022 vs Rt=0,90 (0,88-0,93) al 8/03/2022.

Il documento evidenzia anche un aumento dell’incidenza settimanale a livello nazionale: 848 ogni 100.000 abitanti (18/03/2022-24/03/2022) vs 725 ogni 100.000 abitanti (11/03/2022-17/03/2022), dati flusso ministero Salute.

QUATTRO REGIONI TORNANO A RISCHIO ALTO
Quattro regioni/pubbliche amministrazioni sono classificate a rischio alto a causa di molteplici allerte di resilienza. Le restanti regioni sono classificate a rischio moderato, di cui tre ad alta probabilità di progressione a rischio alto secondo il DM del 30 aprile 2020.

IN LIEVE AUMENTO IN ITALIA CASI RILEVATI CON TRACCIAMENTO
La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in lieve aumento (15% vs 14% la scorsa settimana). È stabile la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (37% vs 37%), mentre è in lieve diminuzione quella dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (48% vs 49%).

IN LEGGERO CALO OCCUPAZIONE TERAPIE INTENSIVE
Il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 4,5% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 24 marzo) vs il 4,8% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 17 marzo). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 13,9% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 24 marzo) vs il 12,9% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 17 marzo). È quanto emerge dal monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute sul Covid-19.

Agenzia Dire.it