Salernitana – Crotone 0-2: Due gol di Simy rilanciano la corsa degli squali

0
Michele Affidato – sezione post

Tutto pronto per questa partita che si annuncia vivace e combattuta.

Mister Stroppa risolve i dubbi dell’ultima ora con Curado al posto di Vaisanen, infortunatosi durante l’allenamento di venerdì, Tripaldelli scelto per sostituire l’indisponibile Milic, anche lui fermatosi durante l’allenamento di rifinitura, Vailetti invece prende il posto dello squalificato Sampirisi. A centrocampo la novità non è nella scelta dei nomi, confermato il trio formato daBenali, Rohden e Barberis, ma cambiano i ruoli, infatti Benali si schiera mezzala mentre Barberis si colloca davanti la difesa come regista basso. In attacco l’allenatore rossoblu punta sulla coppia formata da Simy e Nalini (l’ex di turno). Tripaldelli all’esordio assoluto nel campionato professionistico italiano.

Arbitra l’incontro il signor Volpi, che due settimane fa ha esordito in Serie A.

La partita inizia con massima intensità. Al secondo minuto la Salernitana passa in vantaggio con una bella azione che vede Calaiò in versione da suggeritore che apre bene a Anderson che trova Jallow solo in aria ma in posizione di fuorigioco. La sfera finisce in rete ma l’arbitro annulla il gol.

Campanello di allarme per la difesa rossoblu tagliata con troppa facilità dagli attaccanti salernitani. Allarme che si amplifica visto che nei primi cinque minuti la Salernitana arriva al tiro per ben tre volte, anche se Cordaz non viene mai impegnato pericolosamente.

Al decimo però il Crotone sorprende la Salernitana e passa in vantaggio. Lancio lungo di Golemic per Nalini che di petto appoggia per Simy che da trenta metri la piazza di piatto all’angoletto dove Micai non può arrivare.

È la prima volta in questo campionato che il Crotone passi in vantaggio al suo primo tiro in porta.

La Salernitana prova una immediata reazione ma si affida più ai nervi che non all’organizzazione lasciando così il compito facile alla difesa rossoblu.

Al 22esimo, primo cartellino giallo della partita, sul taccuino dell’arbitro finisce Di Tacchio.

Al 25esimo occasionissima per la Salernitana. Barberis sbaglia l’appoggio regalando la palla a Calaiò a centrocampo, l’attaccante ex Parma lancia di prima Jallow che si invola da solo davanti a Cordaz ma la conclusione si perde altissima sulla traversa.

Nalini è fermo sin dall’inizio della partita e a questo punto si accascia a terra. Nuovo infortunio per l’attaccante del Crotone che è costretto ad uscire, al suo posto Zinedine Machach. Brutta tegola per il Crotone che perde nuovamente Nalini.

La Salernitana continua a premere. Al 30esimo secondo gol annullato alla Salernitana sempre per fuorigioco.

Al 39esimo il Crotone ha la palla del due a zero. Simy ferma Migliorini al limite dell’aria, si infila Benali che si presenta da solo davanti a Micai, ma il centrocampista rossoblu spara addosso al portiere avversario.

Il signor Volpi assegna un minuto di recupero. Il primo tempo termina così con il Crotone in vantaggio nonostante la partita l’abbia fatta per lo più la Salernitana che ha un netto vantaggio nel possesso della palla (58% a 42) e che ha battuto cinque angoli contro uno solo dei rossoblu. Il Crotone ha saputo soffrire e ha gestito bene la partita lasciando una sola grande occasione alla Salernitana, sprecata da Jallow. Rimane il rammarico per l’occasione sprecata malamente da Benali che avrebbe potuto raddoppiare e mandare la propria squadra al riposo con il doppio vantaggio.

Mister Gregucci ha in panchina un ritrovato Rosina, e due ex come Mazzarani e Djuric, tutti uomini che possono dare valide alternative all’allenatore della Salernitana.

Il secondo tempo inizia senza novità nelle due formazioni. Anche il copione della partita non cambia con la Salernitana che ricomincia a premere e con il Crotone che si difende con ordine senza rinunciare alle ripartenze come al 50esimo quando Simy riceve bene in aria da un bel tacco di Machach però perde tempo e fa recuperare la difesa campana.

Al 55esimo il Crotone raddoppia sempre con Simy, questa volta lanciato a rete da Machach con un preciso colpo di testa, l’attaccante nigeriano supera l’ultimo uomo, scarta anche Micai e insacca nella porta spalancata.

Al 58esimo Gigliotti impegna Cordaz con un bel diagonale al volo che il portiere rossoblu mette in angolo.
Passa un minuto e Golemic si prende il cartellino giallo per una entrata scomposta su Odjer.

Al 62esimo mister Gregucci fa la sua prima mossa inserendo Orlandi al posto di Daniel Anderson.

La Salernitana sembra spenta e il Crotone comincia ad amministrare la partita.

Gregucci cambia ancora e al 70esimo inserisce una punta Vuletich al posto di un centrocampista, Anderson.

Al 72esimo Vuletich viene pescato bene in aria e angola il tiro di testa su cui interviene alla grandissima Cordaz deviando in angolo. Sul corner Casarola colpisce bene ma il portiere rossoblu blocca a terra.

La Salernitana continua a premere ma sempre con più foga che ordine facilitando il compito al Crotone. Al 77esimo Jallow ha la palla buona per segnare ma spreca alto un bel cross di Lopez.

Passa un minuto e Benali sbaglia per la seconda volta il gol. Machach si infila a destra, la palla finisce a Rohden che appoggia facile per Benali che da ottima posizione, quasi un rigore in movimento, mette la palla fuori. Due errori non proprio da Benali.
All’81esimo terza sostituzione per la Salernitana: entra Rosina al posto di un fischiatissimo Jallow.

Risponde subito Stroppa che inserisce Molina al posto di Rohden. L’allenatore rossoblu cambia volto alla squadra passando ad un 5-4-1 con Machach che va a fare il laterale sinistro e Molina dall’altra parte.

All’86esimo, a gioco fermo per un infortunio a Spolli, Cordaz viene ammonito dopo uno scontro verbale con Lopez.

La salernitana spinge e chiude il Crotone nella propria aria.

All’88esimo il Crotone fa il terzo gol con Simy che imbecca Machach in aria e il francese che supera con un bel pallonetto Micai, ma l’arbitro annulla per un fuorigioco inesistente.

Il signor Volpi assegna 5 minuti di recupero e al primo Tripaldelli cade in terra preda dei crampi e al suo posto entra Firenze.

Nella fase di recupero il Crotone riesce a tenere palla e a giocare nella metà campo avversaria, tenendo così lontani da Cordaz i pericoli. Protagonista di questa parte di partita diventa Machach che questa volta invece di innervosirsi fa innervosire con le sue giocate gli avversari.

La partita si conclude così con la vittoria del Crotone che con questi tre punti si avvicina alla zona salvezza che ora dista un solo punto (Livorno a punti 27). I rossoblu hanno portato a casa una bella vittoria con una bella prestazione fatta di sofferenza, umiltà e convinzione.

Terzo risultato utile consecutivo ( e terza partita conclusa senza prendere gol) che dà la precisa idea della svolta che il Crotone ha messo in campo con i 13 punti in nove giornate conquistate in questo girone d’andata.

Stanotte si torna a casa soddisfatti ma da domani si deve già pensare al Lecce che domenica prossima verrà a cercare di rovinare la festa allo Scida.