Salute, la Fisioterapia in prima linea per rispondere ai bisogni socio-sanitari

Salute, la Fisioterapia in prima linea per rispondere ai bisogni socio-sanitari

“Occorre partire sempre dall’ascolto dei cittadini e dei pazienti, per costituire la nuova Sanità sui bisogni reali e non su ideali organizzativi. Per questo la fisioterapia nelle case della comunità, a fianco di medici di medicina generale e infermieri, sarebbe fondamentale ad esempio per prendere in carico subito problemi muscolo-scheletrici prima che si aggravino, per potenziare l’autonomia delle persone con disabilità persistenti o progressive attraverso le tecnologie assistive, insieme ad altre professioni, e per promuovere in percorsi di Long term care l’attività fisica fatta in contesti extra sanitari.

E sarebbe coerente, peraltro, con quanto emerge dalle evidenze in letteratura. La fisioterapia è riduzione e prevenzione di bisogni ed è quindi una risorsa fondamentale per garantire la sostenibilità del Sistema Salute”. Con queste parole Simone Cecchetto, presidente AIFI, ha concluso a Roma l’evento promosso in occasione della Giornata Mondiale della fisioterapia e dedicato a PNRR E DM77, Artrosi e malattie reumatiche nei nuovi modelli di Assistenza Territoriale: il contributo della fisioterapia.

La Giornata mondiale 2022 era dedicata alle malattie reumatologiche ed AIFI ha invitato ad aprire i lavori proprio due rappresentanti di associazioni di pazienti, Antonella Celano (presidente APMARR) e Lucia Marotta (presidente ANIMASS) che hanno raccontato quanto sia complesso poter accedere ad una presa in carico attenta e continua, sottolineando allo stesso tempo l’importanza della fisioterapia per “il mantenimento di un’alta qualità della vita”.

fonte dire