Savelli, Astronomia: il “Lilio” si conferma fiore all’occhiello crotonese

Savelli, Astronomia: il “Lilio” si conferma fiore all’occhiello crotonese

Savelli – Un fenomeno raro che si è riproposto anche nella giornata del 25 ottobre 2022. Si tratta di una eclissi di sole parziale che apparsa ben visibile anche alle nostre latitudini. L’ingresso della Luna sul disco del Sole è avvenuto intorno alle 11:25, mentre il massimo oscuramento si è registrato intorno alle 12:30, quando la Luna ha superato il disco solare. A seguirla è stato anche il Parco Astronomico Lilio che ha voluto trasmettere l’evento in diretta streaming l’intero fenomeno.

A parlare di questo evento è stato il direttore del Parco Astronomico Lilio, un fiore all’occhiello del territorio che nel corso degli anni ha saputo imporsi per la qualità della ricerca anche a livello nazionale e internazionale. A parlarci – interpellato da CrotoneOk – è il direttore della struttura, Antonino Brosio. «L’eclissi in questione è stata molto parziale questo significa che la luna che è passata sul disco solare, ha offerto un effetto oscurante per molto poco, quindi quello che si è vista è stata una Luna nera che è passata sul bordo del sole. L’eclissi di sole in realtà sono molto frequenti se ne verificano due all’anno così come quelli di luna però purtroppo l’Italia è sempre molto penalizzata e per poter vedere un eclissi totale di sole dovremmo aspettare ancora molti anni».

Un evento che vedrà in prima linea, per il nostro territorio, il Parco Astronomico Lilio. «Purtroppo quest’anno si verifica di martedì di mattina e quindi sostanzialmente è abbastanza complicato poter organizzare qualcosa in quanto le persone sono tutte al lavoro perciò abbiamo voluto comunque dare la possibilità di seguire l’evento e abbiamo realizzato non con poche difficoltà una diretta streaming che ha mostrato l’intero evento in diretta con un telescopio puntato sul sole».

Un fenomeno affascinante, seguito dagli esperti. «Le eclissi solari sono certamente gli eventi più spettacolari che possiamo osservare in passato erano considerate dei momenti in cui l’uomo aveva paura oggi invece sappiamo perché si verificano e come si verificano e li guardiamo con ammirazione purtroppo come dicevo prima in Italia dovremmo aspettare tanti anni prima di poterne vedere una totale ma con un po’ di organizzazione e visto che il fenomeno si verifica due volte all’anno ci si può organizzare e andare a vederlo in un altro Stato o in un altro continente». Un’attività, quella del Parco Astronomico Lilio che proseguirà, anche nei prossimi giorni.

«In questo periodo il Parco Astronomico Lilio è concentrato soprattutto sulle attività per le scuole tuttavia nei fine settimana realizziamo le visite anche per i privati, come sempre basta guardare il calendario presente sul sito o sulla nostra pagina Facebook. In occasione della festa della castagna che si terrà a Savelli dal 29 ottobre al primo novembre abbiamo organizzato diverse attività che vanno anche aldilà di quelle puramente astronomiche come per esempio la mostra fotografica che si terrà in paese o la mostra dei quadri con a tema appunto l’autunno». Leonardo Vallone