Sculco e De Poli: l’UdC riparte dai territori

Sculco e De Poli: l’UdC riparte dai territori

Un bagno di folla per l’apertura della campagna elettorale dell’UdC per le regionali calabresi. Padrona di casa Flora Sculco, accompagnata dal capo gruppo in consiglio comunale di #Crotonecittaditutti, Danilo Arcuri, che hanno accolto nel giardino dell’Antico Borgo i vertici regionali e nazionali dell’UdC. La serata è stata moderata dal direttore di Esperia, Salvatore Audia.

Flora Sculco ha aperto il suo intervento con un sentito è commosso ricordo di Jole Santelli, accompagnata dal l’applauso dei presenti, più di trecento persone. Il cuore del suo intervento è stato però basato sulla scelta del movimento territoriale da lei rappresentato di aderire all’UdC. “A quelli che, anche giustamente, si domandano e ci chiedono dove siamo, a noi viene facile rispondere: siamo qui, dove siamo sempre stati, a servizio e al lavoro per Crotone, per la sua provincia e per la Calabria! Ma come potevamo ancora permanere in un contesto dove si fa fatica a lavorare per ottenere risultati, in un contesto dove questa nostra straordinaria energia rischiava di essere ridotta e inghiottita da un sistema paludoso, dove i tratti dominanti sono gli intrighi, i litigi e conflitti, insomma un terreno dove cresce soltanto la gramigna e non nasce mai un fiore”.

La Sculco ha infine rivendicato i tanti obiettivi raggiunti e le tante battaglie per il territorio, in questa sua esperienza, tra cui la più attuale: “Insieme al presidente del Consorzio di Bonifica, Roberto Torchia, e con la piena collaborazione dell’assessore regionale all’Ambiente, Sergio De Caprio, il nostro Capitano Ultimo, ho ingaggiato una battaglia nei confronti dell’A2A, che gestisce le nostre risorse idriche sull’altipiano della Sila.

Una battaglia per assicurare acqua necessaria e a sufficienza alle strutture turistiche e, ancor di più, al mondo agricolo”. L’impegno per il territorio di Flora e del suo movimento è stato infine ripreso dal presidente nazionale dell’UdC, il senatore Antonio De Poli. “Nelle parole di Flora e nel suo modo di fare politica sul territorio ho trovato il vero legame con il nostro partito. La politica in questi anni si è troppo allontanata dalla gente è questo è stato un errore, noi siamo eletti per ascoltare e proporre soluzioni ai problemi quotidiani dei nostri territori. Se perdiamo questi legami allora il nostro mandato è già fallito in partenza”. Nel corso della serata sono anche intervenuti il commissario provinciale dell’UdC, Vincenzo Camposano, e il capogruppo in Regione, on. Giuseppe Graziano.