Secondo Premio dedicato a Teano, la filosofa crotonese

0
Rlm – Banner News

La consigliera regionale Flora Sculco ha annunciato che verrà istituzionalizzato il Premio Teano, che si è svolto lo scorso anno coinvolgendo le scuole: «Si svolgerà in primavera, come lo scorso anno. L’anno scorso la Commissione Pari Opportunità ha lanciato l’iniziativa coinvolgendo gli studenti, i quali hanno presentato dei lavori, ed è stata circostanza per raccontare e descrivere la figura di Teano, e dagli scritti che ci sono pervenuti pare che sia stata la moglie di Pitagora, una crotonese, che ha insegnato nella scuola pitagorica».

Il Premio intende riportare alla luce e dare lustro alla prima filosofa della storia: Teano. Una giovanissima donna che decise di seguire il proprio desiderio di conoscenza, entrando nella scuola pitagorica, distinguendosi per saggezza, scienza e virtù nel campo filosofico quanto in quello famigliare come madre e come moglie.

Per una donna, entrare nella scuola pitagorica, significava indagare i misteri dell’essere nella dottrina che postula la perfezione morale e spirituale dell’individuo.

Da vari riferimenti storici emerge che Teàno fosse un punto di riferimento per la sua capacità di discernere quali fossero i veri valori, tra i quali il controllo razionale della sfera emotiva.

Lo scorso anno il premio, organizzato dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Crotone, ha visto al primo posto “Ode a Teano” di Federica Vasapollo, classe IV D del Liceo G.V. Gravina, indirizzo Scienze Umane.

Con le sue parole, Federica ha voluto ringraziare Teano, “filosofa, astronoma e matematica”, ma anche “donna coraggiosa e virtuosa” da prendere come esempio di “dignità, di impegno, di amore e di desiderio di conoscere”, perché il sapere, come sottolinea la giovane studentessa, è “anche donna”.

Un mirabile esempio del passato ripreso da una giovane donna in crescita, per esortare le donne del terzo millennio a liberarsi “dalle gabbie, che, ancora oggi, rinchiudono ed escludono una parte dell’umanità”.