Shopping online, spedizione e consegna: quale impatto sull’ambiente

Shopping online, spedizione e consegna: quale impatto sull’ambiente

Qual è l’impatto ambientale dello shopping online? Quante emissioni di gas serra sono generate da un ordine di acquisto e-commerce di prodotti di abbigliamento, calzature o accessori moda, che preveda una spedizione di consegna al cliente con origine e destino in Italia? Se lo è chiesto Quantis, società leader per la consulenza ambientale, che ha presentato la ricerca ‘Sostenibilità: aggiungi al carrello. E-commerce nel settore fashion in Italia: buone prassi di sostenibilità nel contesto omnicanale’.

I RISULTATI – Nello scenario di base, l’hotspot ambientale principale è rappresentato dal packaging di consegna, che determina il 75% delle emissioni di gas serra e rappresenta pertanto l’area su cui porre maggiore attenzione in termini di azioni e investimenti. La logistica di spedizione e consegna contribuisce al 15% delle emissioni di gas serra, considerando una spedizione via strada entro un raggio medio di circa 480 km dal consumatore. Lo shopping online, ovvero la ricerca del prodotto su siti web e-commerce e il completamento dell’acquisto da parte del consumatore, genera invece il 7% delle emissioni di gas serra. Assumendo un tasso di reso medio del 14%, la fase di reverse logistics contribuisce al 3% delle emissioni di gas serra.

Nel caso di player e-commerce puri, per i quali il tasso di reso potrebbe arrivare al 50%, l’impatto di questa categoria sale a circa il 9% delle emissioni di gas serra per ordine di acquisto.

Inoltre: IL ‘DECALOGO’: BUONE PRASSI PER RIDURNE GLI IMPATTI AMBIENTALI – Dalla ricerca quantitativa emerge un ranking, posto in forma di decalogo, delle scelte che possono impattare sul miglioramento delle performance ambientali dell’e-commerce. Ciascuna di queste fa riferimento ad uno dei 4 ambiti menzionati: shopping on-line, spedizione e consegna, packaging, reverse logistics. Ecco le buone prassi, delineate da Quantis: – Investire in sistemi di packaging riutilizzabili; – Alleggerire il packaging; – Investire in sistemi di packaging con materiali 100% riciclati; – Privilegiare veicoli elettrici per spedizione e consegna last mile; – Alimentare i fulfillment center con energia rinnovabile: – Consegnare last mile con cargo bike; – Ottimizzare le dimensioni dei contenuti e degli elementi del sito web; – Incentivare modalità di consegna alternative più efficienti; – Ridurre il numero dei resi; – Promuovere la scelta di tempi di consegna più sostenibili.

Un’undicesima raccomandazione, cruciale, è quella di evitare spedizioni e-commerce transfrontaliere per via aerea: data l’intensità di emissioni di questa tipologia di trasporto, la consegna diventerebbe l’hotspot principale (73% delle emissioni per ordine di acquisto) per 1.000 km aggiuntivi percorsi in aeroplano. Per questo motivo, è sempre consigliabile posizionare lo stock in modo da poter servire i principali mercati e-commerce e garantire tempi congrui di ricezione al cliente, senza dover ricorrere necessariamente alla spedizione aerea.