Si va in vacanza già da luglio

Secondo un’indagine condotta da Coldiretti, saranno 19 milioni gli italiani che raggiungeranno le località preferite in questo mese. Partenze anche a giugno
0
Michele Affidato – sezione post

Sono 19 milioni, l’1% in più rispetto allo scorso anno, gli italiani che hanno deciso di andare in vacanza a luglio. È quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixe’ dalla quale si evidenzia che ben l’88% degli italiani in vacanza rimane nei confini nazionali.

La durata media del tempo trascorso lontano da casa dai vacanzieri – secondo il rapporto pubblicato sul sito di Coldiretti – è quest’anno di 11,3 giorni e per quasi un italiano su quattro la durata è compresa tra 1 e 2 settimane, ma c’è un fortunatissimo 2% che starà fuori addirittura oltre un mese.

Le partenze sono favorite dall’andamento climatico favorevole con il 74% degli italiani che guarda le previsioni metereologiche per le vacanze. Se è il mare a fare la parte del leone per più di 6 italiani su 10 (62%), al secondo posto – precisa la Coldiretti si classificano le città d’arte a pari merito con parchi, oasi, riserve e la campagna, seguiti dalla montagna. Il 60% degli italiani in viaggio – riferisce la Coldiretti – ha scelto di alloggiare in case di proprietà, di parenti e amici o in affitto ma nella classifica delle preferenze ci sono nell’ordine anche alberghi, bed and breakfast, villaggi turistici e gli agriturismi che fanno segnare un aumento rispetto allo scorso anno anche grazie alla qualificazione e diversificazione dell’offerta ma anche all’ottimo rapporto tra prezzi/qualità con la scelta che avviene sempre più di frequente attraverso siti come www.campagnamica.it.

A guidare la scelta della vacanza per la metà degli italiani (50%) quest’anno è – continua la Coldiretti – la voglia di relax e benessere, seguita dagli interessi naturalistici e da quelli culturali. La maggior spesa delle vacanze viene però destinata all’alimentazione che assorbe in media oltre 1/3 del budget delle vacanze.

L’Italia offre ai vacanzieri il primato dell’agricoltura più green d’Europa con 293 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, la leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole biologiche, la decisione di non coltivare organismi geneticamente modificati, 40mila aziende agricole impegnare nel custodire semi o piante a rischio di estinzione e il primato della sicurezza alimentare mondiale con il maggior numero di prodotti agroalimentari in regola per residui chimici irregolari (99,4%).

A giugno invece, sempre secondo la Coldiretti, le prime partenze si sono registrate nel primo weekend dopo la fine della scuola con 7,4 milioni di italiani che hanno scelto di andare in vacanza a giugno. Andare in vacanza prima dell’arrivo dell’alta stagione consente risparmi che quest’anno possono superare il 25% e che risultano particolarmente appetibili in tempi di crisi. Le partenze “fuori stagione” – precisa la Coldiretti – sono particolarmente apprezzate anche da chi ama la tranquillità e vuole stare lontano dalle folle senza rinunciare però a visitare le principali mete turistiche.