Special Olympics: la torcia fa tappa a Crotone

Special Olympics: la torcia fa tappa a Crotone

I giochi delle persone con diverse abilità si svolgono ogni quattro anni: le competizioni inizieranno a giugno a Torino

É arrivata questo pomeriggio a Crotone, presso la Questura, la torcia dei XXXVII giochi nazionali di Special Olimpics, partita il 18 marzo da Udine, sede degli ultimi giochi invernali. La fiaccola sta percorrendo tutta l’Italia facendo tappa in tutte la regioni per arrivare a Torino dove, dopo l’accensione del tripode e la cerimonia d’apertura, inizieranno i giochi nazionali estivi che si svolgeranno dal 4 al 9 giugno.

A consegnarla a Massimo Scerra, della Fazenda Alexandra, è stata Antonietta, una rappresentante calabrese di Special Olimpics. Insieme a loro il questore di Crotone Marco Giambria. «Un fuoco sacro», così è stata definita, che arde affinchè anche in Calabria lo sport possa essere sempre più inclusivo.

La fiamma partirà poi alla volta di Catanzaro per una cerimonia in Regione. La torcia è stata posizionata nel cortile della sede della Polizia di Stato. Si accende così, ancora una volta, quel messaggio di uguaglianza e di coraggio che parte dallo sport. Presente il Prefetto di Crotone Carolina Ippolito, la delegata provinciale di Special Olympics Francesca Pellegrino, Luisa Elitro, direttrice regionale, Francesca Cantisani della Fazenda Alexandra e il primo cittadino Vincenzo Voce accompagnato dall’assessore allo sport Luca Bossi.

C’è questo messaggio di pace che sta viaggiando in tutta Italia, sperando di contagiare tutti quanti – sono le parole di Francesco Pellegrino  – e il messaggio dato a Crotone è l’inclusione attraverso lo sport attraverso i ragazzi, ognuno di loro hanno risorse  e li devono coltivare al massimo con la gioia di sentirsi capaci e abili”.