Successo per il mese del benessere psicologico

Coinvolte molte scuole della provincia di Crotone
0
Omcs – Banner News

Sono entusiasti gli psicologi della Provincia di Crotone che nella sala consiliare cittadina, alla presenza di alcune scuole, hanno commentato i dati del mese del benessere psicologico che si è svolto dal 12 al 30 novembre in tutte le province calabresi. Rispetto all’edizione del 2017, quest’anno l’ordine regionale degli psicologi ha esteso l’iniziativa ad un mese. In particolare nella provincia di  Crotone ha ottenuto ottimi risultati.

Circa 700 persone, infatti, hanno usufruito di seminari, laboratori, consulenze e studi aperti messi a disposizione dall’ordine. Il dato emerso è la numerosa partecipazione degli istituti scolastici della provincia di ogni ordine e grado, partendo dalla scuola primaria fino agli istituti superiori. Gli psicologi hanno parlato non solo ai ragazzi ma anche agli insegnanti e ai genitori: “si sono creati con le scuole – ha affermato Alessandra Siniscalchi consigliera regionale dell’Ordine  – i presupposti per lavorare in maniera sinergica per cercare di lavorare in rete creando una forma di cultura del benessere“.

Sono state coinvolte buona parte della scuole cittadine, oltre ad un istituto di Cirò e uno di Santa Severina. Tra i complessi scolastici che hanno aderito al progetto vi è l’Istituto Donegani di Crotone che, tramite un cineforum, ha fatto dibattere gli studenti sul problema delle dipendenze: “la giornata è stata molto costruttiva – ha detto l’insegnante Rosanna Frandinaè stato spiegato agli studenti il tema della dipendenza dal punto di vista dei giovani.  

La dipendenza è un problema di grande attualità, basti vedere la dipendenza da smartphone. Il linguaggio utilizzato dagli psicologici è stato lineare a preciso. I ragazzi hanno preso coscienza su questo tema. Hanno capito – ha concluso – che questi comportamenti sono automatici e ne hanno discusso insieme ai professionisti messi a disposizione dall’Ordine”. 

I dati sono ottimi – ha detto  l’assessore all’Istruzione Franco Pescesono entusiasti gli operatori e  ringrazio davvero l’ordine degli psicologi per il servizio che ha offerto. Sono convinto che questo mese continuerà nel futuro, perché questa figura non deve mancare. Lo psicologo, a tal proposito, non è uno strizzacervelli, ma cura il disagio“.