Triplice fischio contro la violenza e il bullismo sui campi da calcio: i giovani arbitri protagonisti

Triplice fischio contro la violenza e il bullismo sui campi da calcio: i giovani arbitri protagonisti

Il progetto Triplice fischio contro la violenza! prevede più momenti, alcune nozioni presso la sede dell’Associazione Italiana Arbitri sezione di Crotone insieme al   presidente dell’associazione Educando Peter Pan, presieduta dal maresciallo Gianluca Lumare e rivolto ai giovani arbitri della provincia di Crotone.

Vi saranno dunque momenti di didattica frontale e poi la realizzazione dei video dove saranno protagonisti proprio i ragazzi, sul terreno di gioco, dove verranno ripresi dei momenti particolari della vita di un arbitro, che sono gli studenti delle nostre scuole di Crotone: “Il bullismo può assumere una forma molto pesante –  ci ha detto Francesco Livadoti presidente dell’Aia Crotone come associazione siamo tutti i giorno a confronto con i ragazzi non solo in quanto arbitri ma anche come studenti. Nel momento in cui vanno sui campi sportivi vi è una percentuale che possano diventare vittime di  bullismo e di violenza”.

L’Aia da qualche anno sta puntando sull’arbitro donna, che ha un valore aggiunto dal punto di vista tecnico: “Quando si parla di cultura di legalità nello sport si parla di legalità – ha aggiunto Francesca Pellegrino, delegato provinciale Coni  quando si parla di bullismo e violenza di genere si parla di legalità. Nell’Aia di Crotone ci sono molte iscritte ed arbitre donne, alla sezione dunque va un plauso, perchè hanno inquadrato il problema: la disparità di genere non può prescindere dal bullismo”.

Bisogna partire proprio dal linguaggio, ha sottolineato la dottoressa Pellegrino, mentre è vicina al progetto anche la Federazione Italiana Giuoco Calcio regionale:Metterci noi in prima fila e guidare questi ragazzi nella pratica della legalità. Il bullismo non può coincidere con lo sport“, ha commentato così il presidente Giuseppe Talarico.

Per il ruolo che rivestono i futuri arbitri, essendo giudici sul campo, potrebbero essere vittime di gogna mediatica e al centro di diatribe: “Proprio per questo credo che riescono a capire la sofferenza di altre persone – ha concluso Gianluca Lumare, presidente dell’Associazione Educando Peter Panquindi approfondendo con loro la violenza, il bullismo, il razzismo, punterò a farli riflettere sull’empatia, e cercare di capire una vittima di violenza, perchè studieremo anche il Codice Rosso”. 

L’associazione Educando Peter Pan – Uisp Solidarietà si occupa principalmente di contrastare la violenza di genere e la povertà educativa dei minori e, a tale scopo, ogni anno incontra centinaia di studenti della provincia di Crotone. Al fianco del progetto anche il Comune di Crotone e l’assessorato alle Politiche Sociali, guidato da Filly Pollinzi: “Al triplice fischio siamo alla fine della partita ma in realtà siamo solo all’inizio, c’è una battaglia da condurre insieme”, ha detto.

D.R.

Nella foto in evidenza, da sinistra: Albino Lumare vice presidente Aia di Crotone, Gianluca Lumare Educando Peter Pan, Francesco Livadoti presidente Aia Crotone,