Un altro miracolo compiuto da Nicola, ora a piedi dal Papa dopo aver salvato la Salernitana

Un altro miracolo compiuto da Nicola, ora a piedi dal Papa dopo aver salvato la Salernitana

Serie A | L’aveva definito un “Sogno“, e così è stato all’Arechi ieri sera, nonostante la Salernitana sia stata travolta dall’Udinese (0-4) ma al novantesimo ha potuto far festa per il pari tra Venezia e Cagliari (0-0) che ha fatto esplodere la festa a Salerno.

“È stata una partita molto difficile per entrambe le squadre. Abbiamo sentito troppo la pressione, ma abbiamo speso fatica e sudore fino alla fine. Sono contento per questo meraviglioso pubblico, per il direttore e per il presidente. Questo è un posto meraviglioso e sono felicissimo di aver raggiunto un obiettivo importante in una piazza come Salerno. È stata la salvezza del lavoro e del coraggio”. Queste le parole del tecnico Davide Nicola nel post-partita di Salernitana – Udinese.

Il mister ha quindi concluso: “Questa impresa è la sintesi di cosa significa diventare squadra e fare risultati in poco tempo. Sono stati tre mesi impressionanti. Per quello che ha dimostrato la squadra, la società e questa straordinaria tifoseria la Salernitana ha meritato la salvezza e ora penso solo a godermela”.

Poi, come anticipato, la promessa di recarsi a piedi dal Papa in caso di salvezza con la Salernitana. Col Crotone si recò invece nella sua Torino in bicicletta da Crotone.