Un territorio in ginocchio: Crotone sferzata dal maltempo

0

Michele Affidato – sezione post

Una giornata di tempesta con alcuni momenti di apprensione. La giornata di venerdì 5 ottobre verrà ricordata a lungo dalla città di Crotone e dal suo territorio, martoriato da diversi giorni dalle piogge battenti, che si è riscoperto, ancora una volta, fragile davanti alla forza di madre natura. Una situazione difficile che ha portato nella giornata di ieri all’ordinanza d’urgenza del sindaco di Crotone Ugo Pugliese, il quale ha disposto nelle prime ore del mattino l’immediata chiusura di tutte le attività commerciali e degli uffici pubblici sia in città che nella zona industriale. Alcuni danni sono stati registrati in diverse zone della città, con allagamenti, smottamenti e alcuni alberi caduti, situazione che ha portato portato alla temporanea chiusura del traffico veicolare.

Da Via XXV Aprile passando per Contrada Farina senza dimenticare località Margherita. Sono solo alcune delle aree della città messe in ginocchio dall’ondata di maltempo, senza dimenticare lo stato in cui si è ritrovata rapidamente la Strada Statale 106, inondata dalle piogge da nord a sud. Alcune avvisaglie si erano già state registrate negli ultimi giorni con il formarsi di fenomeni estremi che avevano lambito la costa.


Alcune trombe d’aria hanno sferzato le coste, una è stata registrata anche nei pressi della spiaggia di Gabella. Sono stati numerosi gli interventi effettuati dalle squadre dei Vigili del Fuoco, altrettanto numerose le richieste di soccorso rimaste in lista d’attesa a causa del violento scatenarsi della forza della natura. Operazioni utili non solo per sopperire alle emergenze registrate in città ma per portare immediato soccorso anche nel territorio della provincia che ha visto il litorale invaso dall’acqua piovana.

A causa delle avverse condizioni meteorologiche e complici le abbondanti precipitazioni il sindaco di Crotone Ugo Pugliese in stretto contatto con l’ente di Protezione Civile Regionale ha disposto anche per la giornata di oggi, sabato 6 ottobre la chiusure delle scuole di ogni ordine grado, in considerazione delle avverse condizioni meteo, a tutela dell’incolumità degli alunni della città e di quelli provenienti dalla provincia. Passata l’ondata di maltempo arriverà ora il momento di effettuare la conta dei danni, in un territorio che porta ancora negli occhi la devastazione e il dolore dell’alluvione del 14 ottobre 1996.