“Una serata di solidarietà” con la compagnia teatrale Carma  per la vicina Africa

“Una serata di solidarietà” con la compagnia teatrale Carma per la vicina Africa

Si è svolta domenica 26 giugno presso l’Agriturismo Antichi Sapori di Leonia della famiglia Zurlo, a Scandale (KR), la serata di beneficenza volta a raccogliere fondi per l’Associazione Sorridi konou konou Africa Onlus. Gli invitati, circa un centinaio di persone, sono stati accolti dal saluto della responsabile dell’associazione di Crotone Franceschina Fauci che da diversi anni si spende con generosità, impegno, caparbietà ed entusiasmo nella diffusione e conoscenza dell’Associazione. Insieme alla professoressa a dare il benvenuto e ringraziare i partecipanti è stato anche Domenico Loria in qualità di rappresentante di Banca Generali Private sponsor dell’evento.

Alla serata è intervenuto il fondatore dell’Associazione Sorridi Konou Africa,  Enrico Di Salvo medico chirurgo e professore presso l’Università Federico II di Napoli, il quale ha raccontato come e quando è nato in lui il desiderio di prendersi cura in maniera concreta di uomini, donne e bambini all’inizio nell’Amazzonia e successivamente nel Benin, uno dei Paesi più poveri del mondo. Con il suo racconto di umanità, di sofferenze, di lotte e di gioie ha emozionato e fatto riflettere sulla necessità di non sentirci indifferenti alla sofferenza di tanti uomini e donne e bambini deboli ed emarginati.

A seguire, e molto gradita, è stata anche l’esibizione della compagnia teatrale Carma di Reggio Calabria con lo spettacolo dal titolo “1861: La Brutale Verità” tratto dal saggio di Michele Carilli, uno spettacolo emozionante che ha ripercorso gli accadimenti che hanno caratterizzato gli eventi dell’Unità d’Italia e la storia dei briganti, troppo frettolosamente etichettati dalla storia piemontese come crudeli criminali, il cui ruolo sociale è stato, invece, oggetto di revisione da parte della recente storiografia.

Uno spettacolo teatrale dalla forte intensità emotiva grazie a straordinari musicisti del calibro di Mario Lo Cascio e Salvatore Gullace che con la loro sublime maestria hanno accompagnato il racconto di Gabriele Profazio potente nel gesto e nella parola e il canto di Mariella Rodà dalla voce potente e straordinaria. Uno spettacolo conclusosi con una vera e propria ovazione da parte del pubblico e che rappresenterà la Calabria nella fase finale del Festival di Spoleto dei due mondi, alla fine di luglio. Una serata straordinaria che ha lasciato un segno indelebile in tutti i partecipanti.