Venticinque anni fa l’alluvione, il Vescovo di Crotone: “Non siamo ancora pronti per far fronte alle calamità”

Venticinque anni fa l’alluvione, il Vescovo di Crotone: “Non siamo ancora pronti per far fronte alle calamità”

Crotone – Venticinque anni fa l’acqua travolse la città di Crotone e, in particolare, il quartiere Fondo Gesù. L‘alluvione del 14 ottobre 1996 provocò la morte dei sei persone, e danni ingenti ad oltre 350 imprese della città. Quel lunedì mattina caddero 120 mm di pioggia, aggiungendosi all’acqua caduta nei giorni precedenti, raggiungendo dunque 330 mm.

Dal cielo cadde tant’acqua, piegando così la terra crotonese e Paolo Pupa, Angela Trovato, Luca Buscema, Michela Cicchetto, Luca Tavano e Bruno Comisso oggi non sono più con noi, travolti dalla furia di quel giorno.

Domenica 10 ottobre, alle ore 11,00, presso la Chiesa del Santissimo Salvatore in Fondo Gesù, sarà celebrata una santa messa in memoria delle vittime di quel giorno. Mentre oggi, 9 ottobre festa patronale di San Dionigi, così si è espresso l’Arcivescovo di Crotone-Santa Severina Angelo Panzetta: “Ci sarà la nostra preghiera – ha dichiarato  – sarà occasione per fare il punto della situazione perchè la recente  alluvione dei giorni scorsi, seppur in proporzioni diverse rispetto al 1996,  ha dimostrato che non siamo ancora pronti. Penso la ricorrenza di domani possa essere una buona occasione per fare il punto di quello che abbiamo messo in essere per evitare che queste cose si possano riprodurre nella nostra città”.

Danilo Ruberto