Viaggiare in stile Indiana Jones ma 2.0

Gli italiamni che hanno deciso di mettersi in viaggio non rinunciano al navigatore satellitare e all’aria condizionata in auto
0

OMI Sud – News

Sempre più avventurieri in stile Indiana Jones 2.0, ma con la voglia di anticipare e prevedere eventuali complicazioni lungo il percorso che li porterà a raggiungere le tanto desiderate mete turistiche.

Ben 9 italiani su 10 (87%) mettono il navigatore in cima agli elementi indispensabili per il proprio viaggio, ancor prima addirittura di acqua e cibo (79%) e aria condizionata (72%). Sempre più tecnologici e desiderosi di raggiungere il prima possibile le località di villeggiatura, gli italiani sul piede di partenza sono preoccupati principalmente dalle lunghe code in autostrada (64%) e dal caldo eccessivo (55%). Occhio però: per combattere le alte temperature secondo gli esperti una corretta idratazione è più importante che accendere l’aria condizionata.


E’ quanto emerge da uno studio di In a Bottle (www.inabottle.it) condotto con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 1200 italiani tra i 24 e i 50 anni e su un pool di 20 tra esperti e nutrizionisti per capire come gli italiani si stanno organizzando per i viaggi estivi e i rimedi per un esodo sicuro. Previdenti o avventurieri, quali sono secondo gli italiani gli elementi indispensabili per affrontare un viaggio? Le risposte sono variegate, ma a ricorrere con più frequenza è soprattutto l’immancabile presenza del navigatore satellitare (87%), a cui sembra che gli italiani tengano addirittura più di un bene di prima necessità come la presenza di acqua e cibo (79%) lungo il tragitto, elementi indispensabili ma meno citati, e all’aria condizionata.

Esso è ritenuto indispensabile perché indica la strada migliore da seguire in base alle proprie esigenze, segnala possibili incidenti o interruzioni di percorso e la presenza di autovelox e posti di blocco. Una volta certi di seguire la strada migliore per raggiungere le rispettive località turistiche, gli italiani in viaggio pensano alla qualità del proprio itinerario e quindi al contrastare la calura.