(Video) Al Liceo Classico col camice bianco: il sogno degli studenti del Pitagora

(Video) Al Liceo Classico col camice bianco: il sogno degli studenti del Pitagora

I medici erano filosofi, e i filosofi erano medici. La modernità affonda le sue radici nella stessa pianta, tra l’antichità e i saperi, e il mondo scientifico. Il percorso di Potenziamento “Biologia con curvatura Biomedica” che giunge al suo terzo anno, promosso dal Miur e dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, porta il liceo Pitagora di Crotone e ottanta dei suoi ragazzi vestiti col camice bianco,  all’interno della curvatura che incontra il mondo medico scientifico della provincia di Crotone, per una proficua collaborazione nella didattica.

Alla presentazione del nuovo anno sono intervenuti la Dirigente scolastica del Liceo Classico Pitagora Natascia Senatore, il presidente dell’Ordine dei medici e degli odontoiatri di Crotone Dott. Enrico Ciliberto, i coordinatori per la curvatura biomedica Dott.ssa Letizia Tiano, Dott. Mario Falbo alla presenza della coordinatrice Mariella Cosentino e della dottoressa Carla Cortese.

Gli studenti del Pitagora guardano dunque da vicino la professione medica, incontrandosi di pomeriggio per svolgere le attività, con un percorso divenuto oggi una delle eccellenze formative più richieste dai licei italiani, con l’orientamento verso la medicina.  «Coadiuvare il mondo delle lettere classiche con il mondo scientifico, porta tante motivazioni. In modo particolare, nel nostro Liceo c’è questa grande apertura verso la scienza e un’offerta formativa che tende a coprire gli interessi dei nostri ragazzi» ci ha detto la professoressa Mariella Cosentino.

La curvatura biomedica conferma dunque l’approfondimento delle materie scientifiche all’interno del Liceo Classico: «I nostri ragazzi con il camice sono la riprova che stiamo portando a compimento il progetto, ovvero fornire gli strumenti per accedere con consapevolezza al loro futuro formativo e professionale» ha aggiunto la Dirigente Scolastica Natascia Senatore. «E’ entusiasmante indossare il camice bianco, questo è sicuramente uno dei nostri sogni ed obiettivi principali ed infatti dobbiamo tanto al Biomedico – dice sorridente la studentessa Silvia Gaetanoperchè ci ha fatto capire se questa sarà la strada giusta per noi».

«È una chance formativa e di orientamento nel nostro territorio, avere a domicilio la possibilità di un’ipotesi di vocazione di insegnamenti sanitari o chimico biologici è molto importante» ha concluso il dottor Enrico Ciliberto. Durante la presentazione, alcuni studenti hanno portato in scena Le nuvole, commedia di Aristofane.