(VIDEO) Crotone – Da Faillo, a Scaramuzza e Bentivegna: il corso diventa laboratorio d’arte

(VIDEO) Crotone – Da Faillo, a Scaramuzza e Bentivegna: il corso diventa laboratorio d’arte

Crotone – Un pennello, i colori, l’acqua, un camice bianco, e tanta buona volontà e creatività per colorare i new jersey posti sul Corso principale della nostra città. Sono i ragazzi dell’Istituto Pertini Santoni Liceo Artistico, e una classe dell’Istituto Giovanni XXIII  che offrono colore e forma a Corso Vittorio Veneto rivalutando i new jersey. Otto in tutto che, a completamento dei lavori artistici, saranno ricollocati nella loro posizione originaria, per offrire una barriera di sicurezza ai cittadini che passeggiano.

Sono lì, da lunedì mattina, i giovani vincitori del contest ideato dall’Associazione Culturale “IoResto” e patrocinato dal Comune, per far rivivere i volti di Faillo, del musicista Vincenzo Scaramuzza, dell’attore crotonese Warner Bentivegna, del pittore Gaele Covelli e tanti altri crotonesi che si riprendono uno spazio, dopo aver dato lustro alla nostra città.

«Possiamo dire effettivamente che è un sogno che si realizza iniziato due anni fa – ci ha detto il presidente di IoResto Giovanni Pitingolo – e devo ricordare la figura dell’amico di Nino Crugliano, perchè la prima volta che abbiamo parlato di panchine letterarie e new jersey è stato con lui, ed è bello ricordare che se siamo giunti a realizzare quel progetto tutto è partito ed è iniziato con lui. Un sogno che si realizza perchè i ragazzi che hanno partecipato al concorso, vincendolo, stanno realizzando un museo a cielo aperto. Sicuramente deve essere apprezzato il loro impegno e il loro lavoro e il fatto che stanno dipingendo su delle barriere di cemento armato dal vivo». Poi, ha aggiunto: «Non è un disegno che viene portato da scuola o da casa, ma stanno dipingendo sul posto , dove si potranno ammirare personaggi storici che hanno fatto la storia di Crotone».

Nomi eccelsi, figli della nostra città, legati da un passato glorioso, che oggi viene raccontato attraverso l’arte di altri figli di Crotone. Sabato prossimo, alle ore 11,00, si potranno ammirare le opere su Corso Vittorio Veneto, con la speranza che un domani il percorso pedonale possa diventare un salotto a cielo aperto,  e perchè no, con tante altre iniziative: «Iniziamo dall’apprendimento e dalla conoscenza – ha concluso –  partendo dal presupposto che tutto debba cambiare e la base deve essere la cultura. Proprio creando un percorso, uno story-telling che racconti la storia urbana, temporale e sociale della città di Crotone sarà un inizio, un buon viatico per fare in modo che il fattore umano possa essere al centro dello sviluppo del nostro territorio».

Accompagnati dai loro insegnanti, da lunedì mattina i ragazzi dei due istituti crotonesi sono i protagonisti del laboratorio d’esperienza, dipingendo sotto il cielo sempre più blu, unendo passione, idee e amore non solo per l’arte ma anche del nostro passato, così come le gesta narrate su uno dei new jersey: «Antica Kroton dove ci sono dei messaggi importanti che sicuramente verranno letti e riletti, rielaborati nel mondo moderno» ha concluso.

Danilo Ruberto