Vitiello debutta con l’opera dal titolo “Troppo presto”

Vitiello debutta con l’opera dal titolo “Troppo presto”

Riceviamo e pubblichiamo:

“Troppo presto” è il libro di un giovane esordiente scrittore crotonese, Alessandro Vitiello, di soli 16 anni, studente al liceo classico “Pitagora”, che ha voluto raccontare, in un autobiografia, il suo percorso di vita, fin qui breve ma intenso. Intenso come quello di molti adolescenti che si affacciano alla vita di adulti con una mentalità ancora da bambini.

Sperimentano i primi amori e di conseguenza le prime pene, i cambiamenti nelle varie fasi scolastiche e le difficoltà che si ritrovano di fronte, le tentazioni a provare cose “sbagliate” spesso senza sapere bene come affrontarle. I rapporti con gli amici, la famiglia come troppo spesso devono far fronte a decisioni inaspettate in cui non hanno voce in capitolo ma possono solo accettarle e subirle consapevoli, da spettatori, che cambieranno la loro vita.

Il cercare di capire quel è la propria strada, trovando idoli a cui ispirarsi e hobby ai quali aggrapparsi e rifugiarsi. Alessandro ha toccato in questo libro tutti i punti dolenti di un adolescente al giorno d’oggi, raccontando attraverso le sue esperienze un’età dove tutto dovrebbe essere facile e spensierato, ma in realtà cosi non è, spaziando dalle problematiche per noi adulti “banali” al bullismo che dilaga in tutte le sue forme. Decisioni, complessi, sofferenze e cambiamenti che lo hanno portato a maturare e a capire come scorre la vita “Troppo presto”.