Crotone – Il Gravina compie 60 anni con un grande sogno ancora incompiuto

Crotone – Il Gravina compie 60 anni con un grande sogno ancora incompiuto

Crotone – L’Istituto Gravina di strada ne ha fatta tanta. Sessant’anni anni di impegno coscienzioso e responsabile in cui sono stati formati tanti giovani che si sono affermati nel mondo del lavoro e delle istituzioni, confermando il valore della cultura umanistica. Ha spento  60 candeline e, nell’occasione, questa mattina giovedì 22 dicembre presso il Museo di Pitagora si è svolta una cerimonia per quest’attività così lunga nel tempo che ha visto generazioni di studenti, e anche di docenti e presidi. Nell’occasione il ricordo della dirigente Giovanna Calvo, mancata da poco tempo, alla quale sarà dedicata un’aula dell’istituto crotonese.

Nato nell’anno scolastico 1962-1963 come istituto magistrale abilitante all’insegnamento nella scuola elementare, per volontà del prof. Salvatore Regalino, che ne fu il primo preside, oggi il “Gravina” rappresenta, nonostante i suoi problemi strutturali, una scuola innovativa che offre agli studenti cinque indirizzi di studio: Scienze Umane, Linguistico, con curvatura in Beni culturali, Economico – Sociale, con curvatura in Digital Communication, Musicale e Coreutico.

L’indirizzo sperimentale linguistico viene istituito nell’anno scolastico 1988-89 per volontà del preside Riccardo Schipani. Durante la dirigenza del prof. Alberto D’Ettoris nascono nell’anno scolastico 2010-2011 l’indirizzo Economico – Sociale, come opzione di Scienze Umane, nell’anno successivo l’indirizzo musicale, intitolato al pianista crotonese “Vincenzo Scaramuzza”, e infine nell’anno scolastico 2012-2013 il liceo coreutico, dedicato alla danzatrice Giuliana Penzi.

Una situazione precaria, con cinque plessi diversi: “Ieri Istituto, oggi Liceo con una varia offerta formativa, ma la sede condiziona il nostro percorso e non poco, si sta lavorando nelle giuste sedi, cercando di sensibilizzare e stimolare  una partecipazione attiva di quanti devono intervenire per una risoluzione definitiva”, ha dichiarato il dirigente scolastico Antonio Santoro.  Presenti durante la cerimonia, diversi ex dirigenti, come Chiarello, Macheda e D’ettoris. E’ stato ricordato anche il primo preside, il professor Salvatore Regalino, e  nell’occasione è stata consegnata una targa alla docente Maria Iaquinta, l’insegnante con piu anni di servizio nell’istituto, e una targa alla famiglia del professor Salvatore Guzzardi.  Il coro scolastico e l’Orchestra Musicale Vincenzo Scaramuzza ha impreziosito la mattinata, con intermezzi durante il convegno celebrativo dei 60 anni del Gravina.